Contratti a canone concordato: l’attestazione resta necessaria

Contratti a canone concordato: l’attestazione resta necessaria

Il testo finale del Dl semplificazioni consente di evitarla solo nel caso limite in cui i nuovi contratti hanno lo «stesso contenuto» L’attestazione continua a essere necessaria, praticamente in tutti i casi.  È questo il risultato della “semplificazione alla rovescia” arrivata tra giugno e agosto con il decreto legge 73/2022 e la sua legge di…

La temperatura è un diritto del condomino nell’ambito degli orari previsti 

La temperatura è un diritto del condomino nell’ambito degli orari previsti 

L’Associazione nazionale amministratori condominiali e immobiliari, ha inviato ai suoi associati un interessante documento incentrato sugli orari di funzionamento degli impianti termici alimentati a gas naturale. Nel testo ci si chiede se l’assemblea possa deliberare un’ulteriore riduzione degli orari giornalieri e della temperatura rispetto a quanto previsto dal Dm a fini evidentemente di un maggior risparmio.

Superbonus. Per iniziare a detrarre bisogna aver pagato entro il 2022.

Superbonus. Per iniziare a detrarre bisogna aver pagato entro il 2022.

Chi vuole cedere o fare lo sconto in fattura deve anche effettuare i lavori

Corsa contro il tempo per effettuare i bonifici parlanti entro il 31 dicembre 2022, al fine di iniziare a detrarre dal 2022 la prima rata di quattro del superbonus del 110%, prestando attenzione a non essere incapienti con l’Irpef. Se si vuole cedere il credito o scontarlo in fattura, invece, è necessario che questi lavori vengano anche effettuati. Se si vuole evitare completamente la norma di difficile interpretazione sulle attestazioni Soa delle imprese edili, è bene terminare i lavori superiori a 516.000 euro entro fine anno.

Condomini

I condomìni che entro la fine del 2022 non riusciranno a terminare i lavori agevolati con il superbonus del 110% o a effettuare il Sal per almeno il 30% degli stessi o che, nonostante la fine dei lavori o il raggiungimento del Sal, non riusciranno entro il 16 marzo 2023 a inviare la comunicazione per l’esercizio dell’opzione dello sconto in fattura del fornitore o di cessione a terzi potranno comunicare ai propri condòmini gli importi, ripartiti in base ai singoli millesimi, da detrarre in quattro anni nella dichiarazione dei redditi relativa al 2022.

Villette e case a schiera

Indipendentemente dalla fine dei lavori entro il 31 dicembre 2022, la detrazione potrà essere portata in dichiarazione dei redditi anche dai contribuenti, persone fisiche, che hanno effettuato gli interventi sulle villette e sulle case a schiera per i pagamenti effettuati entro il 30 giugno 2022 (ovvero entro il 31 dicembre 2022, se sono riusciti ad «effettuare» entro il 30 settembre 2022 almeno il 30% dei lavori complessivi). 

Sia per i condomìni sia per le villette e le case a schiera delle persone fisiche, infatti, non è necessario terminare i lavori per forza entro il 31 dicembre 2022, in quanto anche per il superbonus del 110%, come per gli altri bonus edili, la detrazione è correlata al momento di «sostenimento» delle spese «risultando, invece, indifferente la data di ultimazione degli interventi agevolabili» ovvero il raggiungimento del 30% degli stessi. 

È necessario, invece, aver «effettuato» i lavori entro il 31 dicembre 2022, solo se si vuole optare per la cessione del credito o lo «sconto in fattura» per la parte dei lavori effettuati, per i quali, rispettivamente, sono stati effettuati i pagamenti o è stata emessa la fattura, con lo sconto.

In caso di mancato raggiungimento, spetta il superbonus del 110% solo per le spese sostenute entro il 30 giugno 2022 ed è preclusa la proroga fino al 31 dicembre 2022. 

Fine dei lavori

Le norme del superbonus del 110% non stabiliscono il termine entro il quale i lavori dovranno essere ultimati, ma nella risposta all’interrogazione parlamentare del 17 novembre 2021, n. 5-07055, è stato ribadito che ai fini del «consolidamento della detrazione» è necessario che gli interventi vengano comunque ultimati.

Il compenso “extra” dell’amministratore in caso di lavori straordinari

Il compenso “extra” dell’amministratore in caso di lavori straordinari

Negli stabili con più di otto condòmini la nomina di un amministratore di condominio è obbligatoria.

Tale figura può essere una persona fisica o una società in possesso di determinati requisiti: non aver subito condanne per certi reati (contro la Pa, contro l’amministrazione della giustizia, contro il patrimonio e altro); possedere il diploma di scuola secondaria di secondo grado; aver frequentato un corso di formazione professionale e altro.

Dubbi sulla figura dell’amministratore?

Dubbi sulla figura dell’amministratore?

Negli stabili con più di otto condòmini la nomina di un amministratore di condominio è obbligatoria.

Tale figura può essere una persona fisica o una società in possesso di determinati requisiti: non aver subito condanne per certi reati (contro la Pa, contro l’amministrazione della giustizia, contro il patrimonio e altro); possedere il diploma di scuola secondaria di secondo grado; aver frequentato un corso di formazione professionale e altro.

No stop al super bonus: non si ferma anche dopo il cambio di destinazione d’uso

No stop al super bonus: non si ferma anche dopo il cambio di destinazione d’uso

All’amministrazione finanziaria spetta tuttavia il compito di verificare eventuali ipotesi di abuso del diritto o di elusione fiscale che fanno invece decadere dall’agevolazione del 110%. Non scatta la decadenza del superbonus se l’immobile, classificato al termine dei lavori in una categoria ammessa alla detrazione (tipicamente un’unità residenziale), cambia, «in futuro, destinazione d’uso». Il chiarimento è…